“Forse s’avess’io l’ale

Da volar su le nubi,

noverar le stelle ad una ad una..” ( G. Leopardi)

Cosa  distingue in fondo l’essere umano dal gregge del pastore errante che trascorre la sua esistenza steso sul prato, brucando e belando e tutto lasciando all’oblio? Sicuramente le stelle!

Da quando l’uomo si è emancipato dalla quadrupedia, salendo in equilibrio sui due piedi per ammirare il cielo, non ha mai smesso di interrogarle, desideroso di capire, di scegliere, di ricercare in loro il senso più profondo. Ignorando la loro natura gassosa, in realtà non così romantica come i sentimenti che ci spingono verso le stelle, in fondo per noi sono più che altro puntini luminosi che rischiarano tenebre profonde e sconosciute, che ci consolano di fronte alla nostra piccola esistenza trascorsa sotto un cielo così scuro e sconfinato.

E non abbiamo mai smesso di celebrarle, cantarle, invocarle: dall’astronomia che ne studia la natura all’astrologia che le interroga, dalla poesia al cinema, le stelle da sempre sono protagoniste della cultura più “alta” ma anche più popolare, definizione ormai superata e vuota. Nella musica come nella moda, che si sa da sempre vanno a braccetto, le stelle hanno ispirato grandissimi successi ed artisti: dalle cadenze disco dance Seventies, passando attraverso il graffiante punk-rock fino a giungere ad atmosfere più melodico romantiche. Uno per tutti il “Duca delle stelle” David Bowie, che con le sue liriche ci ha fatti decollare per splendidi viaggi tra stelle e pianeti e sta tornando proprio in questi giorni con il suo ultimo inaspettato album, non a caso chiamato Blackstar. Di stelle tutti si sono sempre vestiti ma anche con successo truccati e restano irresistibili anche a distanza di anni le fantasie all over oppure i grandi disegni monotematici su t-shirt, camicette o accessori.

Sinonimo di eternità e luce ma anche di successo e sistema mediatico, di romantiche serenate all’amata sotto un cielo da loro illuminato, simbolo e guida alle feste più importanti del nostro calendario,  per noi in bottega questa settimana le stelle sono soprattutto l’immagine di ciò che è magico e nascosto nei cieli più lontani. A Facciadastile non solo abbigliamento, ci divertiamo a “giocare seriamente” con voi anche in altri modi… volete scoprire come? Troverete la risposta solo interrogando gli aruspici oppure venendoci a trovare martedì 17 dalle 20 in poi per la  Notte Magica in bottega!

Eli

Lascia una risposta