HIGHLANDS: TESSUTO NOBILE IN “PIEDE DI POLLO”

con 1 commento

Diciamolo: l’unica zampa di gallina che noi ragazze amiamo è quella stampata su giacche e cappotti, borse e tailleur!
Lo troviamo declinato davvero in tanti modi, tra le tendenze più importanti di questa stagione invernale, grande classico che non riesce mai a stancare, come tutto ciò che è bello e non si smette mai di ammirare o di indossare. E’ il Pied de poule, tessuto “a navetta” ottenuto da un intreccio di filati in colori a contrasto, 4 fili chiari con 4 fili scuri, classicamente in bianco e nero, tramati con lo stesso criterio con cui si disegna una sorta di scacchiera, ma i cui riquadri ricordano più propriamente un piede di pollo. Questa è perlomeno la traduzione del termine francese, mentre in inglese questo motivo viene chiamato “Dogstooth”dente di cane o “puppytooth”,di cucciolo, nella versione più ridotta.
Qualche curiosità? Anche se dal nome che l’ha resa celebre tutte immaginiamo che questa fantasia trovi le sue origini in Francia, in realtà nasce nella bucolica Scozia ed è davvero antica, viaggiamo nel tempo fino agli inizi del 1800: originariamente era indossata dai pastori scozzesi e realizzata su un panno di lana intrecciata. Da trama agricola si è nobilitata verso il 1930, periodo in cui il Pied de poule viene adottato dalle classi sociali benestanti come simbolo di ricchezza ed eleganza, un tessuto ricercato per distinguersi dalla massa. Ma fu il genio rivoluzionario dell’allora “neonato” stilista Dior che, alla sua prima sfilata, trasforma il Pied de poule in uno dei classici protagonisti del mondo della moda moderno, consacrato dal New Style come sinonimo di raffinatezza e stile, fino a divenire l’ inconfondibile design del packaging della sua più nota fragranza: Miss Dior.
Negli anni ’60 poi la corrente artistica delle illusioni ottiche, l’ Optical Art, l’ha definitivamente consacrato design di stile: da chic ed elegante a vera e propria tendenza, sempre raffinato ma iperattuale. Da quel momento tutti i couturier si sono lasciati ispirare dal fascino bon ton di questa raffinata fantasia trasformandola in un vero e proprio culto: artisti della moda come il nostro Roberto Capucci crearono incredibili abiti consegnati alla storia per l’eternità. Da allora l’indimenticabile Pied de poule non ha mai smesso di cavalcare le passerelle più importanti della moda, reinventato, reinterpretato, smontato e rimontato in disegno e nuovi colori fino ad arrivare all’ultima stagione più in forma che mai, immortale come gli Highlanders dell’omonimo film cult per noi ragazze degli anni’80, che nascono dalle stesse incredibili e suggestive terre di sogno.

In bottega da noi, il Pied de poule può essere presentato solo nel suo tessuto blasonato di origine, distinto, dal sapore sartoriale, vintage ma giovane: tessuto inglese ovviamente, anzi…scozzese! Colorato, attualizzato, dalla linea moderna ma elegantissima, originale e superfemminile. Vi riconoscete? Allora vi aspettiamo…
Eli

DSC_0320

 

DSC_0323

 

DSC_0326

DSC_0328

One Response

  1. Eni
    | Rispondi

    Assolutamente stupendo Nico ed è vero, l’unico “pied de poule” che andiamo a cercare è proprio questo. Anzi, solo questo ;)))
    Belle le foto e bellissime anche le scarpe.
    Un bacione,
    Eni

    Eniwhere Fashion
    Eniwhere Fashion Facebook

Lascia una risposta